Comune di Altopascio > comunicati stampa > Il Pane di Altopascio protagonista all’Expò 2015
Ultima modifica: 30 settembre 2015

Il Pane di Altopascio protagonista all’Expò 2015

Comunicato stampa 14-3-14

L’alimento sarà  al centro di almeno sei appuntamenti assoluti

Dopo i successi della Bit, del Salone del Gusto e l’apprezzamento di Papa Bergoglio, arriva un’altra consacrazione mondiale per il pane di Altopascio, che sarà  protagonista di eventi enogastronomici assoluti nel prossimo Expò 2015 a Milano.

A darne notizia il sindaco di Altopascio Maurizio Marchetti, nella sua veste di presidente delle Città  del pane, l’associazione che riunisce i comuni che possono vantare la migliore produzione panificatoria nazionale.

Marchetti proprio come presidente di Città  del Pane fa parte del direttivo di Res Tipica, progetto di ANCI che comprende le migliori associazioni di identità  di prodotti e coltivazioni nazionali. Proprio Res Tipica ha siglato ufficialmente in questi giorni con la direzione di Expò 2015 un accordo che prevede che nei sei mesi di manifestazione planetaria, un giorno al mese sia dedicato alla valorizzazione dei prodotti tipici italiani .

In questi sei giorni il pane di Altopascio sarà  uno dei prodotti di punta, anche perchè, per sua natura, si abbina benissimo alle varie proposte alimentari che verranno messe in evidenza in questi appuntamenti.

“E’ chiaro che quanto si sta dicendo di questo Expò 2015, ovvero che sarà  una vetrina eccezionale e irripetibile delle nostre eccellenze enogastronomiche , fa comprendere come il pane e gli altri nostri prodotti più importanti faranno da traino alla migliore immagine italiana rilanciata da questa manifestazione mondiale- dice Marchetti-. In questo senso il pane, che si sposa con un po’ tutti gli alimenti che di volta in volta saranno proposti, avrà  un posto in primo piano e quello di Altopascio si candida, per le sue caratteristiche, a lasciare un segno indelebile in questa manifestazione. Arriveremo a questo appuntamento con un impegno senza precedenti, perchè vogliamo sfruttare al massimo questa grande occasione, sia per il pane che per Altopascio”.