Comune di Altopascio > comunicati stampa > Le pratiche urbanistiche di Altopascio sempre più informatizzate Disponibile on line la visura delle pratiche edilizie dal 1938 a oggi
Ultima modifica: 30 settembre 2015

Le pratiche urbanistiche di Altopascio sempre più informatizzate Disponibile on line la visura delle pratiche edilizie dal 1938 a oggi

Continua la fase di snellimento burocratico del comune di Altopascio, con la progressiva eliminazione dei documenti cartacei per fare spazio alle pratiche elettroniche e la possibilità di consultare archivi e documenti on line, senza bisogno di recarsi fisicamente negli uffici.

Dopo la possibilità dell’ invio dei documenti inerenti le pratiche edilizie ai professionisti attraverso la posta elettronica certificata, fra qualche giorno sarà disponibile un nuovo servizio che riguarda la visura e comunque le varie ricerche sulle pratiche edilizie presentate al comune di Altopascio dal 1938 a oggi.

Per avere queste informazioni basta accedere al sito web del comune di Altopascio ( www.comune.altopascio.lu.it) e cercare >Ufficio Edilizia e Urbanistica> Archivio Istanze Presentate ed è quindi possibile consultare l’elenco delle pratiche edilizie ( concessioni, licenze, Dia, permessi di costruire, Scia e condoni) esistenti nell’archivio comunale. Per potere effettuare questa ricerca è necessario il nominativo del titolare dell’atto, mentre non è possibile eseguire la ricerca per dati catastali, come foglio di mappa e particella, perché nel tempo hanno subito variazioni e dunque non sarebbero attendibili.

“Da sempre l’ufficio, su input dell’amministrazione comunale e del sottoscritto, cerca di semplificare il lavoro dei tecnici e snellire tutti quei passaggi che costano tempo e denaro- afferma il vicesindaco e assessore all’urbanistica Francesco Fagni-. L’eliminazione della carta e la riduzione della necessità di spostarsi per consultare atti o documenti, che progressivamente stanno avvenendo in comune a Altopascio, hanno anche una forte valenza ambientale che ci piace perseguire sempre di più”.