Comune di Altopascio > comunicati stampa > Nuovi interventi nell’€™area naturalistica protetta del Sibolla.
Ultima modifica: 30 settembre 2015

Nuovi interventi nell’€™area naturalistica protetta del Sibolla.

Marchetti - Baccelli - Cavallaro

Marchetti – Baccelli – Cavallaro

Una piattaforma per raggiungere il centro del lago, un museo per studenti e cultori della materia  e una maggiore comunicazione sono gli obiettivi che il sindaco di Altopascio Maurizio Marchetti e l’€™assessore provinciale Maura Cavallaro hanno messo a fuoco durante un incontro che si è svolto nei giorni scorsi a Palazzo Ducale.

Continuando un percorso che ha già  registrato molti risultati concreti, forti del decreto del Ministero dell’€™Ambiente che riconosce l’€™area del Lago di Sibolla quale “€œzona umida di importanza internazionale, ai sensi della Convenzione Ramsar”€, Marchetti e Cavallaro hanno fatto il punto della situazione.
Sono state quindi pianificate le prossime mosse, sfruttando anche i fondi dell’Unione Europea che transitano attraverso la Regione,  ovvero una serie di interventi che rappresenteranno un ideale secondo lotto di lavori all’€™area protetta del Sibolla, eccezionale ecosistema altopascese che contiene piante prestoriche e altre eccellenze ambientali uniche al mondo.
Il sindaco di Altopascio Maurizio Marchetti e l’assessore provinciale all’ambiente Maura Cavallaro hanno confermato l’€™impegno comune per lanciare definitivamente l’area protetta del Sibolla, zona famosa in tutto il mondo e non solo nella comunità  scientifica per la presenza di piante che arrivano dall’€™era primitiva, i famosi aggallati del Mesozoico.  
 
In questo senso verrà  potenziata la segnaletica, specialmente nella zona del casello autostradale, la comunicazione attraverso gli strumenti mediatici disponibili, verrà  costruita una nuova struttura che si aggiunge alla attuale reception che disporrà  di una parte da adibire a museo ma anche di un’€™aula multimediale a disposizione delle scuole e di chiunque vorrà  approfondire gli argomenti proposti dal Sibolla , verrà  realizzata una passerella galleggiante per raggiungere il centro del lago, attualmente non fruibile.
Sono in corso contatti con la famiglia Marchetti, proprietaria dell’area, per rendere disponibile ai visitatori la famosa collezione di uccelli rari impagliati, mentre è intenzione di provincia e comune trovare un accordo con una associazione faunistica per ampliare l’orario di apertura al pubblico anche al sabato e alla domenica, ad oggi possibile nella sola giornata di giovedi.
“€œIl nostro impegno comune mira a sviluppare e rendere sempre più bella da visitare l’€™area, tenendo sempre ben presente che si tratta di una zona umida dalla forte valenza scientifica- commenta il sindaco Maurizio Marchetti-. E’€™ evidente che non possiamo soddisfare nel Sibolla le esigenze di chi vuole fare un pic nic, ma chi vuole vedere qualcosa di unico al mondo troverà  molti spunti interessanti”€.