Comune di Altopascio > Informazioni sull’apertura dei documenti firmati digitalmente e sulle PEC

Informazioni sull’apertura dei documenti firmati digitalmente e sulle PEC

Come si apre un documento firmato digitalmente (o p7m)

Modalità semplice: si può aprire utilizzando appositi siti web, per esempio:

  • Si va sul sito di Poste Italiane https://postecert.poste.it/verificatore o o di Infocert https://www.firma.infocert.it/utenti/verifica.php
  • Con il pulsante “sfoglia“, selezionare il file salvato sul proprio computer e premere il tasto “apri“;
  • Premere il tasto “confermo” (o “accetto e verifico” o “verifica” a seconda del link dell’ente certificatore utilizzato) anche più volte se richiesto.
  • Dopo la conferma, verranno visualizzate le informazioni di dettaglio del certificato e, solo a questo punto, sarà possibile salvare sul proprio computer il file in formato pdf.

Modalità avanzata: installando un software liberamente scaricabile come per esempio:

In ogni caso occorre che il pc sia in grado di aprire file pdf (windows 8 e 10 hanno un visualizzatore predefinito, è comunque consigliato Acrobat Reader).

Se in entrambi i sistemi non si riesce ad aprire un file p7m, considerate che è possibile che un documento scaricato da webmail sia corrotto, in quel caso occorre svuotare la cache del browser o consultare la webmail con un differente browser.

Ed un po’ di nozioni

  • Cosa è la firma digitale
    • L’utilizzo dei documenti digitali e telematici è stato introdotto con la Legge n. 59 del 1997, che ne sancisce la legittimità e la validità.
      La Firma Digitale è l’equivalente elettronico di una tradizionale firma autografa su carta (DPR 445 del 2000) ed è associata stabilmente al documento elettronico sulla quale è apposta, lo arricchisce di informazioni che ne attestano l’integrità e l’autenticità, consentendo al documento di assumere la piena efficacia.
      La Firma Digitale è il risultato di una procedura informatica di validazione, basata su un sistema che utilizza una coppia di chiavi elettroniche, certificato da un Ente certificatore.
  • Cosa è la Pec
    • La Posta Elettronica Certificata (Pec) è un sistema di posta elettronica che garantisce al mittente (cittadino, imprese) la certezza, con valore legale, dell’invio e della consegna dei messaggi e-mail al destinatario (Amministrazione Comunale).
      La PEC ha lo stesso valore di una normale raccomandata A.R.
      Perchè la comunicazione acquisisca valore giuridico il mittente ed il destinatario devono disporre entrambi di un servizio di Posta Elettronica Certificata.
      L’invio di una mail da una normale casella di posta elettronica non ha il valore di raccomandata A.R. e non crea vincoli di alcun genere per l’Amministrazione Comunale.
  • Indirizzi Pec
    • L’indirizzo PEC del Comune di Altopascio, inserito nell’Indice delle Amministrazioni Pubbliche (IPA) è: comune.altopascio@postacert.toscana.it
    • La ricerca di caselle PEC di pubbliche amministrazioni può essere effettuata dal sito Indice PA.
      La ricerca di caselle PEC di professionisti ed imprese può essere effettuata dal sito Ini-PEC.
  • Quando e come usare la Pec
    • La PEC può essere utilizzata da cittadini e imprese per la trasmissione di tutti i tipi di informazioni e documenti in formato elettronico.
      Per una migliore gestione del servizio, nella mail è bene indicare chiaramente:

      • l’oggetto della comunicazione
      • il tipo di documento inviato
      • l’ufficio specifico a cui è indirizzata la mail (se conosciuto)
  • La ricevuta
    • Come per le normali raccomandate A.R., anche la PEC rilascia una ricevuta di presa in carico della mail da parte dell’Amministrazione Comunale (ricevuta di ritorno), che consiste in una mail automatica, che non necessita di risposta, inviata al cittadino/impresa dall’indirizzo comune.altopascio@postacert.toscana.it
    • La ricevuta di presa in carico della mail da parte dell’Amministrazione Comunale (ricevuta di ritorno) viene rilasciata anche quando il cittadino/impresa utilizza le procedure dei servizi on-line.
  • Chiedere una casella PEC
Ultima modifica: 16 novembre 2017