Comune di Altopascio > comunicati stampa > Il sindaco Maurizio Marchetti “teleguida” clienti di una banca intrappolati dalla mancata apertura di una porta
Ultima modifica: 30 Settembre 2015

Il sindaco Maurizio Marchetti “teleguida” clienti di una banca intrappolati dalla mancata apertura di una porta

La situazione si stava facendo pesante, con due persone adulte e due bambini che si stavano innervosendo perché da ormai diversi minuti non riuscivano a uscire dalle porte elettroniche della banca, situata nel centro del paese di Altopascio .
Erano entrati per fare delle operazioni al bancomat, ma la porta non si riapriva. Il tasto deputato alla riapertura non funzionava, nemmeno dall’esterno. Attimi di panico, all’interno della filiale non c’era ormai più nessuno, essendo passate da poco  le 19. Fuori della porta alcune persone richiamate dai rumori di chi era rimasto intrappolato all’interno.
A un certo punto, una persona all’esterno ha pensato di utilizzare un numero che a Altopascio hanno in molti, quello del sindaco Maurizio Marchetti. Lo ha chiamato, il sindaco allora ha telefonato al direttore della banca, che a sua volta ha spiegato al sindaco un sistema alternativo per sbloccare la porta elettronica, un sistema che conoscono in pochi.
Marchetti ha richiamato il cittadino che lo aveva sollecitato, il quale si è fatto dare il numero di una delle persone all’interno, che il sindaco ha infine chiamato, guidandolo all’apertura della porta, che è avvenuta nel giro di poco tempo, con grande sollievo di tutti.
“Momenti concitati e movimentati che si sono risolti nel migliore dei modi- spiega Maurizio Marchetti- grazie alla prontezza del direttore dell’istituto di credito, della persona che poi ha materialmente sbloccato la porta e anche del fatto che il mio numero in paese ce l’hanno veramente tutti. Ricevo spesso telefonate inutili, stavolta invece credo che il mio intervento abbia accelerato molto una operazione piuttosto complicata, per la difficoltà a trovare un interlocutore che conoscesse il meccanismo alternativo di apertura. Come si suol dire, tutto è bene quello che finisce bene”.