Comune di Altopascio > comunicati stampa > Arriva alla Misericordia di Altopascio un nuovo mezzo per il trasporto dei disabili
Ultima modifica: 30 settembre 2015

Arriva alla Misericordia di Altopascio un nuovo mezzo per il trasporto dei disabili

Mezzo ACG 002Con il solito sistema che prevede la copertura attraverso gli sponsor del costo complessivo, l’Acg Italia, in collaborazione con il comune di Altopascio, donerà alla Misericordia di Altopascio un nuovo mezzo per il trasporto sociale a favore del territorio.

L’inizio della raccolta pubblicitaria, che verrà effettuata dall’azienda a partire dai prossimi giorni ed è autorizzata dall’amministrazione comunale è stata presentata nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta al Loggiato Mediceo.

Il sindaco di Altopascio Maurizio Marchetti , il vicesindaco Francesco Fagni, l’assessore al sociale Elena Silvano, il presidente del consiglio comunale Fabio Orlandi e i rappresentanti dell’azienda Elena Simi e Fabrizio Scannerini hanno illustrato i vantaggi di questa operazione che viene riproposta dopo le precedenti, positive esperienze.

Il nuovo governatore della Misericordia di Altopascio Salvatore Bono ha apprezzato molto il progetto “Ringrazio l’amministrazione comunale per la grande sensibilità che ha ancora una volta dimostrato verso la nostra organizzazione e le tematiche sociali”.

Si tratta di una iniziativa ormai collaudata che ha visto nel corso degli anni la consegna di molti mezzi di questo tipo . Il progetto nasce sul territorio di Altopascio nel 2006 con acquisizione di due automezzi, uno per l’Associazione Fratres di Spianate e l’altro per la Misericordia di Altopascio.

Nel 2010 un altro, nuovo automezzo, fu affidato alla Misericordia di Altopascio. L’anno successivo alla Associazione Fratres di Spianate.

In questi ultimi tempi, vista la crescita delle richieste di servizi della cittadinanza altopascese, verrà rafforzato ulteriormente il parco macchine delle associazioni con un altro Doblo’ Fiat attrezzato per il trasporto di persone diversamente abili sul territorio