Comune di Altopascio > comunicati stampa > Altopascio il comune toscano con l’età media più bassa e la più alta incidenza di minorenni sulla popolazione.
Ultima modifica: 3 marzo 2016

Altopascio il comune toscano con l’età media più bassa e la più alta incidenza di minorenni sulla popolazione.

Arrivano buone notizie per il comune di Altopascio dalla continua elaborazione dei dati di Anci Toscana.
Altopascio vanta due primati importanti che rappresentano una fotografia della situazione attuale ma anche una proiezione sociologica per i prossimi anni. Il comune altopascese è quello con l’età media più bassa di tutti gli altri comuni ma anche quello dove la percentuale di under 18 è la più alta in assoluto.
L’età media è 41,6 anni ed è calcolata su tutti i residenti, mentre l’incidenza dei minorenni sul totale della cittadinanza è del 19,6%. Un residente su 5 è dunque sotto i 18 anni, che certifica che Altopascio è una città per giovani.
Dopo il primato ambientale legato alla emissione di anidride carbonica e quello fiscale come ente che in provincia tassa meno i suoi cittadini- commenta Maurizio Marchetti, sindaco di Altopascio- arriva questa bella notizia che ci dimostra che Altopascio è un paese dinamico che attrae giovani e giovanissimi.
Un nuovo primato che ci qualifica , in un contesto dove il progressivo invecchiamento della popolazione viene percepito come elemento negativo e anche preoccupante per il futuro per i servizi e le necessità che questa tendenza comporta e diventa una componente positiva per i prossimi anni e per i programmi comunali di medio e lungo periodo”.
Molto soddisfatto anche Simone Marconi, consigliere delegato alle politiche giovanili “Questi dati testimoniano l’impegno del comune per assicurare servizi adeguati a questa fascia di popolazione. I centri pomeridiani, gli asili, le attività estive e tante altre iniziative sono molto apprezzate e adeguate ai bisogni, ma confermano anche la necessità di continuare a lavorare in questo settore. Molto abbiamo fatto, ma sicuramente continueremo a operare in questo ambito per assicurare che i ragazzi abbiano tutto quanto necessita loro”.